Ultime Notizie
Box sotto Ultime Notizie
Santo Rosario on line
Newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email per essere informato sulle novità della nostra Comunità:
Registra Cancella
Box sotto Ultime Notizie
Versione Stampabile

22 Marzo 2020 – IV Domenica di Quaresima (Anno A)

sabato 21 marzo 2020
22 Marzo 2020 – IV Domenica di Quaresima (Anno A)

“Ti eleggo mio patrono”

1° Lettura: 1 Sam 16, 1b.4a. 6-7. 10-13a - Salmo: 22 - 2° Lettura: Ef 5, 8-14

 

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 9, 1-41)

In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita e i suoi discepoli lo interrogarono: «Rabbì, chi ha peccato, lui o i suoi genitori, perché sia nato cieco?». Rispose Gesù: «Né lui ha peccato né i suoi genitori, ma è perché in lui siano manifestate le opere di Dio. Bisogna che noi compiamo le opere di colui che mi ha mandato finché è giorno; poi viene la notte, quando nessuno può agire. Finché io sono nel mondo, sono la luce del mondo».

Detto questo, sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò il fango sugli occhi del cieco e gli disse: «Va’ a lavarti nella piscina di Sìloe», che significa “Inviato”. Quegli andò, si lavò e tornò che ci vedeva.

Allora i vicini e quelli che lo avevano visto prima, perché era un mendicante, dicevano: «Non è lui quello che stava seduto a chiedere l’elemosina?». Alcuni dicevano: «È lui»; altri dicevano: «No, ma è uno che gli assomiglia». Ed egli diceva: «Sono io!». Allora gli domandarono: «In che modo ti sono stati aperti gli occhi?». Egli rispose: «L’uomo che si chiama Gesù ha fatto del fango, me lo ha spalmato sugli occhi e mi ha detto: “Va’ a Sìloe e làvati!”. Io sono andato, mi sono lavato e ho acquistato la vista». Gli dissero: «Dov’è costui?». Rispose: «Non lo so».

Condussero dai farisei quello che era stato cieco: era un sabato, il giorno in cui Gesù aveva fatto del fango e gli aveva aperto gli occhi. Anche i farisei dunque gli chiesero di nuovo come aveva acquistato la vista. Ed egli disse loro: «Mi ha messo del fango sugli occhi, mi sono lavato e ci vedo». Allora alcuni dei farisei dicevano: «Quest’uomo non viene da Dio, perché non osserva il sabato». Altri invece dicevano: «Come può un peccatore compiere segni di questo genere?». E c’era dissenso tra loro. Allora dissero di nuovo al cieco: «Tu, che cosa dici di lui, dal momento che ti ha aperto gli occhi?». Egli rispose: «È un profeta!». Ma i Giudei non credettero di lui che fosse stato cieco e che avesse acquistato la vista, finché non chiamarono i genitori di colui che aveva ricuperato la vista. E li interrogarono: «È questo il vostro figlio, che voi dite essere nato cieco? Come mai ora ci vede?». I genitori di lui risposero: «Sappiamo che questo è nostro figlio e che è nato cieco; ma come ora ci veda non lo sappiamo, e chi gli abbia aperto gli occhi, noi non lo sappiamo. Chiedetelo a lui: ha l’età, parlerà lui di sé». Questo dissero i suoi genitori, perché avevano paura dei Giudei; infatti i Giudei avevano già stabilito che, se uno lo avesse riconosciuto come il Cristo, venisse espulso dalla sinagoga. Per questo i suoi genitori dissero: «Ha l’età: chiedetelo a lui!».

Allora chiamarono di nuovo l’uomo che era stato cieco e gli dissero: «Da’ gloria a Dio! Noi sappiamo che quest’uomo è un peccatore». Quello rispose: «Se sia un peccatore, non lo so. Una cosa io so: ero cieco e ora ci vedo». Allora gli dissero: «Che cosa ti ha fatto? Come ti ha aperto gli occhi?». Rispose loro: «Ve l’ho già detto e non avete ascoltato; perché volete udirlo di nuovo? Volete forse diventare anche voi suoi discepoli?». Lo insultarono e dissero: «Suo discepolo sei tu! Noi siamo discepoli di Mosè! Noi sappiamo che a Mosè ha parlato Dio; ma costui non sappiamo di dove sia». Rispose loro quell’uomo: «Proprio questo stupisce: che voi non sapete di dove sia, eppure mi ha aperto gli occhi. Sappiamo che Dio non ascolta i peccatori, ma che, se uno onora Dio e fa la sua volontà, egli lo ascolta. Da che mondo è mondo, non si è mai sentito dire che uno abbia aperto gli occhi a un cieco nato. Se costui non venisse da Dio, non avrebbe potuto far nulla». Gli replicarono: «Sei nato tutto nei peccati e insegni a noi?». E lo cacciarono fuori.

Gesù seppe che l’avevano cacciato fuori; quando lo trovò, gli disse: «Tu, credi nel Figlio dell’uomo?». Egli rispose: «E chi è, Signore, perché io creda in lui?». Gli disse Gesù: «Lo hai visto: è colui che parla con te». Ed egli disse: «Credo, Signore!». E si prostrò dinanzi a lui. Gesù allora disse: «È per un giudizio che io sono venuto in questo mondo, perché coloro che non vedono, vedano e quelli che vedono, diventino ciechi». Alcuni dei farisei che erano con lui udirono queste parole e gli dissero: «Siamo ciechi anche noi?». Gesù rispose loro: «Se foste ciechi, non avreste alcun peccato; ma siccome dite: “Noi vediamo”, il vostro peccato rimane».  

 

Leggendo questo episodio del Vangelo di Giovanni, probabilmente, Shakespeare, Moliere, Pirandello si sentivano caldi d’ammirazione.

Questa, infatti, è una piccola commedia assolutamente perfetta.

È ambientata nel mondo reale, scandita in progressione stringente, giocata in parte sul dialogo a due e in parte sulla sceneggiata corale, venata di episodi quasi farseschi, con improvvise aperture metafisiche.

 

Gesù è il motore che mette e mantiene tutto in movimento.

 

È lui che opera il miracolo, con tute le circostanze di un evento ben documentato: lo sputo, il fango, la piscina di Siloe, il giorno di sabato. Di lui si disputa a diverse riprese, ora con blanda ironia, ora con rabbiosa intolleranza.

Lui stesso dà i lumi per comprendere e, soprattutto, per conoscere CHI E’ egli stesso, prima ai propri discepoli, quindi al cieco, infine ad un gruppo di farisei.

 

Poche volte Gesù si rivela Dio con così esplicita autorità.

 

Ma anche il cieco guarito è un personaggio a tutto tondo. Potrebbe essere uscito dalla penna di Dante o di Tolstoj.

E che doti dimostra!

È coraggioso: rischia molto ad esaltare Gesù davanti ai suoi nemici.

È ottimo argomentatore: sa mettere nel sacco quei faziosi che hanno già escluso a priori il miracolo, sbeffeggiandoli anche un po’.

È tenace.

Poi, di fronte a Gesù ritrovato, si apre tutto alla luce della conversione: un cristiano della prima ora, che certo sta in paradiso.

 

Potrebbe essere il patrono. Di chi? È ovvio: di ciascuno di noi!

Non siamo forse tutti, più o meno, ciechi nati?

La nostra anima, con quante diottrie ci vede?

Quelle della talpa, dell’orbettino?

 

Se qualcuno contraddice la nostra fede, sappiamo difenderla con l’acume, la fermezza, l’eleganza di questo povero “cieco” giudeo?